Consiglio Pastorale

Verbale del Consiglio Pastorale del  23 APRILE 2018

 

Lunedì 23 Aprile si è riunito il C.P.P. con il seguente Ordine del Giorno:

  1. Preghiera iniziale – riflessione;
  2. Lettura ed approvazione del verbale precedente;
  3. Confronto a partire dall’omelia dell’Arcivescovo durante la S. Messa Crismale del Giovedì santo;
  4. Benedizione natalizia: verifica sulla modalità
  5. Varie ed eventuali.

 Moderatore della serata: sig.ra. Alberta Tamanini.

Assenti giustificati:  Don Giancalo Bestetti, Daniela Ceriotti, Romina Poretti

1-Preghiera iniziale.

Abbiamo recitato Il Padre Nostro del Sinodo Minore ed una preghiera allo Spirito Santo .

2- Santa Messa Crismale

Don Ferdinando, parlando dell’omelia della Messa Crismale del Giovedì santo celebrata dal nostro arcivescovo Mario Delpini ha voluto sottolineare il fatto che alla celebrazione erano presenti molti preti, ben 1/3 di loro erano di nazionalità straniera.

L’omelia si basava sul significato della parola debito, è molto difficile che una persona ammetta il fatto di essere “IN DEBITO” verso qualcuno o qualcosa, l’Arcivescovo vuole farci capire che il compito di ciascun credente è quello di “ANNUNCIARE IL VANGELO”.

Il rapporto cordiale tra Parrocchia ed istituzione è proprio espressione della Chiesa; Il Signore ci vuole bene, proprio per questo ci insegna che l’annuncio del Vangelo è proprio per tutti.

Con molta umiltà l’Arcivescovo chiede l’aiuto di tutti noi fedeli per portare avanti la sua missione; e ci vuole ricordare che il profeta è colui che vive uno stile di vita che segua gli insegnamenti di Gesù, dalle sue parole trapela l’ottimismo, evita di ripiegare su discorsi negativi.

Ciascuna comunità ed ogni cristiano adulto devono essere invitati ad una verifica sui percorsi che gli sono offerti e su quelli che hanno praticato, per fare questo l’arcivescovo ci suggerisce di ripensare e rilanciare i gruppi di ascolto della Parola mettendo in evidenza

che la Parola è sempre vocazione e l’ascolto è sempre invito a conversione e discepolato, noi come credenti non dovremmo mai dire “FANNO TUTTI COSI’”,ma cercare di vivere secondo il Vangelo.

3-Lettura ed approvazione del verbale precedente.

Viene letto e approvato all’unanimità il verbale del 26 Febbraio 2018.

4-Benedizione Natalizia

   Qual’è lo scopo della Benedizione Natalizia?

E’ una tradizione nata molto tempo fa, proprio per incontrare tutte le famiglie della nostra comunità per uno scambio fraterno e di preghiera, per poter ovviare alle necessità di ciascuno,

è stata valutata l’idea di una Messa settimanale (Venerdì) cosi da poter incontrare anche chi per vari motivi non è in casa durante il giorno.

 La seduta termina alle 23.00 deliberando che il prossimo Consiglio Pastorale Parrocchiale sarà convocato lunedì 4 Giugno 2018.

La Segreteria

 

Verbale del Consiglio Pastorale  con la congiunta del CAEP del  12 febbraio 2018

Lunedì 12 febbraio si è riunito il C.P.P. con la congiunta del C.A.E.P. con il seguente Ordine del Giorno:

  • Preghiera iniziale – riflessione;
  • Presentazione ed approvazione del bilancio annuale 2017 della parrocchia;
  • Valutazione dell’ipotesi di un progetto per la ristrutturazione dell’ex cinema.

 Moderatore della serata: sig.ra. Daniela Ceriotti.

Assenti giustificati:  Romina Poretti, Sandro Boldrin, Mirko Petrera (C.P.P.), Marco Bottini (C.A.E.P.)

1-Preghiera iniziale.

Preghiera allo Spirito Santo; lettura del Vangelo secondo Marco (12,13-17). In questo brano, Gesù c’insegna che nella vita occorre imparare a scegliere usando l’intelligenza! Il C.P.P. ed il C.A.E.P. hanno il dovere di consigliare per il vero bene della comunità!

 2-Presentazione…

L’economa ha presentato, in maniera dettagliata, i bilanci dell’anno 2017 della parrocchia, dell’oratorio e di casa Betania; gli stessi sono stati approvati all’unanimità dai due consigli e verranno inseriti, come allegato, nel Settimo Giorno.

3-Valutazione..

Dopo una breve presentazione storica dell’ex cinema parrocchiale costruito nel 1950, è stata presentata una bozza di progetto relativa alla riqualificazione dell’immobile; esso sarà adibito a salone polivalente. Ad oggi è stato sistemato tutto l’iter urbanistico ma il salone rimane inagibile. Nel 2017 è stata richiesta la sanatoria al comune di Arconate per la regolarizzazione dell’ambiente. Dopo un’attenta analisi del disegno e di una stima economica, si è deciso di inviare tutta la documentazione alla Curia di Milano per due ragioni: 1° per livello tecnico, 2° per avere l’autorizzazione a poter partecipare al bando di concorso Regione Lombardia ( F.R.I.S.L.) indetto per gli oratori per l’anno 2018/2019. Il C.P.P. è d’accordo con la destinazione d’uso dell’ex cinema a sala polivalente ritenendo che i lavori di ristrutturazione si subordineranno ad un piano finanziario sostenibile; pertanto ha suggerito di formare una commissione con il compito d proporre le iniziative da intraprendere per la diffusione e per le modalità di acquisizione dei finanziamenti utili al completamento dell’opera presso la comunità. Il C.P.P. ritiene opportuno chiedere dei chiarimenti riguardo all’articolo pubblicato su VITA di Dicembre 2017 in merito alla sistemazione dell’ex cinema.

La seduta termina alle 00,15 deliberando che il prossimo Consiglio Pastorale Parrocchiale sarà convocato lunedì 26 febbraio 2018.

 

 

La Segreteria

 

Verbale del Consiglio Pastorale del 15 gennaio 2018

 

Lunedì 15 Gennaio si è riunito il C.P.P. con il seguente Ordine del Giorno:

  1. Preghiera iniziale – riflessione;
  2. Lettura ed approvazione del verbale precedente;
  3. Raccolta dei contributi dei vari gruppi parrocchiali e prima analisi; formazione di una commissione per la relazione del progetto pastorale;
  4. Aggiornamento sull’apertura del Sinodo Minore: “Chiesa dalle genti”;
  5. Varie ed eventuali.

 Moderatore della serata: sig.ra. Alberta Tamanini.

Assenti giustificati:  Romina Poretti, Simone Tanzilli, Elisa Pontigia, Federico Dell’Area.

1-Preghiera iniziale.

Preghiera allo Spirito Santo; lettura degli Atti degli Apostoli (2.42-47). Non bisogna MAI dimenticare che i testi sacri ci dicono cosa il Signore si attende da noi. La Chiesa cosa è chiamata a fare? Come si pone? I pilastri NON VANNO MAI DIMENTICATI! Il centro è Gesù quindi l’importanza dell’Eucarestia, del momento formativo,  della preghiera e della carità. Se non poniamo le basi su questo, la nostra comunità diventa sempre più povera. Che cosa ci sta   chiedendo il Signore? Come sono le nostre reazioni? Una comunità cristiana NON deve mai dimenticare che ogni iniziativa mira a far conoscere Gesù! La Chiesa ha il dovere di farlo conoscere OGGI, soprattutto nelle persone bisognose.

-Preghiera per il Sinodo Minore recitata tutti insieme.

2-Lettura ed approvazione del verbale precedente.

Viene letto e approvato all’unanimità il verbale del 6 Novembre 2017.

3-Raccolta contributi e formazione commissione.

    Sono state presentate le bozze per il progetto pastorale da parte di alcuni gruppi parrocchiali;si è  provveduto a creare una commissione che monitori lo stato dei lavori.

 4-Aggiornamento sull’apertura del Sinodo minore.

   Una componente del CPP, ha partecipato domenica 14 gennaio alla cerimonia di apertura del Sinodo Minore: chiesa dalle genti, portando poi il suo contributo in sede di consiglio.

La cerimonia è stata molto sobria,così da non strumentalizzare nessuna parola. L’Arcivescovo è stato straordinariamente convincente spiegando il perché di questo Sinodo.

Non è un Sinodo che va a toccare la tematica dei profughi ma, si rivolge alla chiesa cristiana. Noi siamo una chiesa in costruzione e tutti sono chiamati ad edificarla. Uno degli obiettivi di questo Sinodo è un tentativo di avvicinamento alle altre chiese cristiane, non si rivolge però alle altre religioni.

5-varie ed eventuali.

La seduta termina alle 22.50 deliberando che il prossimo Consiglio Pastorale Parrocchiale sarà convocato lunedì 26 febbraio 2018.

La Segreteria

 

Verbale del Consiglio Pastorale del 6 novembre 2017

Lunedì 6 novembre 2017 si è riunito il C.P.P. con il seguente Ordine del Giorno:

  1. Preghiera iniziale – riflessione;
  2.  Lettura ed approvazione del verbale precedente;
  3.  Comunicazione del C.A.E.P.;
  4.  Presentazione della stesura del Progetto Pastorale Parrocchiale ai referenti dei vari gruppi;
  5.  Varie ed eventuali.

 Moderatore della serata: sig.ra Daniela Ceriotti.

Assenti giustificati:  Romina Poretti.

Maurizio Malvone entra a far parte del C.P.P. in sostituzione di Danilo Pinotti.

1-Preghiera iniziale.

Preghiera allo Spirito Santo e per la comunità.

2-Lettura ed approvazione del verbale precedente.

Viene letto e approvato all’unanimità il verbale del 25 settembre 2017.

3-Comunicazione C.A.E.P.

L’architetto Piercarlo Poretti spiega come mai si devono fare gli impianti elettrici della chiesa parrocchiale dopo 23 anni; le luci sono obsolete, non sono più in commercio e richiedono molta manutenzione. Con la nuova tecnologia delle luci al led, invece che 7 Kwatt, si consumano solo 2,5 Kwatt; la durata è stimata attorno ai 27 anni e non si sostituiscono. Il costo previsto è di euro 23.500. Il progetto é stato consegnato alla Curia e il termine dei lavori è previsto per la Pasqua del 2018.

4-Stesura progetto Pastorale.

Perché un Progetto Pastorale scritto? Perché diventi anche un’occasione di verifica all’interno dei vari gruppi parrocchiali e per migliorare il cammino formativo della comunità.

La comunità deve avere delle radici, se seccano non danno più i frutti che dovrebbero dare; la radice è l’incontro con Gesù Cristo! Ovvero l’Eucarestia!

Con l’Eucarestia ogni cristiano deve sentirsi chiamato (Battesimo) a vivere il comandamento dell’amore, in quanto Gesù è presente realmente! Anche noi, come i discepoli, riceviamo il mandato di andare ed annunciare il Vangelo; questo grazie all’aiuto dello Spirito Santo!

Tutto quello che si propone, deve portare ciascuno di noi a capire che il Signore è presente nella nostra vita aiutandoci a dare il meglio di noi stessi! Una parrocchia che ha Gesù al centro, è portata ad essere “sale della terra e luce del mondo” ed a vivere secondo il Vangelo.

5-varie ed eventuali.

La seduta termina alle 23.10 deliberando che il prossimo Consiglio Pastorale Parrocchiale sarà convocato lunedì 15 gennaio 2018.

 

Verbale del Consiglio Pastorale del 6 marzo 2017

 

Lunedì  6 marzo si è riunito il C.P.P. con la congiunta del C.A.E.P. con il seguente Ordine del Giorno:

  1. Preghiera iniziale;
  2. Lettura ed approvazione del verbale precedente;
  3. Presentazione ed approvazione bilancio del 2016 della parrocchia;
  4. Varie ed eventuali.

Moderatore della serata: sig.ra Alberta Tamanini

Assenti giustificati: Roberta Monolo, Daniela Luzzara (CPP), Marco Bottini, Claudia Valisi (CAEP)

 

1-PREGHIERA ALLO SPIRITO SANTO.

Abbiamo ascoltato la lettura del Vangelo secondo Marco 1,14-15 la quale ci chiede di “convertirci” e di credere nel Vangelo cioè di capire come ci relazioniamo con i nostri fratelli, con il servizio di amore al Signore e alla Chiesa.

Si è recitato il Padre Nostro tutti insieme ed una preghiera per il Papa:

“Signore Gesù, che ripeti anche a noi: “In questa città io ho un popolo numeroso”, aiutaci a pensare e a sentire come Te. Ti ringraziamo per il dono di Papa Francesco pellegrino tra noi per confermarci nella fede. Concedici di seguirlo con amore filiale. La Madonnina, Tua e nostra dolcissima Madre vegli su tutti i suoi figli, asciughi le lacrime dai loro occhi, specialmente quelle dei bambini,degli ammalati,degli anziani,di chi è nell’ombra della morte,dei poveri e rifiutati. Amen.

 

2- Lettura ed approvazione del verbale precedente

Viene letto e approvato all’unanimità il verbale del 23 gennaio 2017.

3-LETTURA ED APPROVAZIONE BILANCIO 2016

In questa serata sono stati invitati sia la signora Rita Poretti in veste di economa della Parrocchia che ha esposto i bilanci relativi all’anno 2016 della Parrocchia, dell’oratorio e della Casa Betania, sia gli architetti Elena Monticelli e Piercarlo Poretti i quali, hanno evidenziato alcune anomalie riguardanti il salone del cinema, il box di Casa Betania e degli spogliatoi del campo sportivo dell’oratorio. Gli stessi provvederanno a stilare i vari documenti necessari per la sanatoria degli stabili.

4- Varie ed eventuali

 La seduta termina alle 23.15 deliberando che il prossimo Consiglio Pastorale Parrocchiale verrà

convocato il giorno 8 maggio 2017.

La Segreteria

Verbale del Consiglio Pastorale del 28 novembre 2016

Lunedì 28 novembre 2016 si è riunito il C.P.P. con il seguente Ordine del Giorno:

  1. Preghiera iniziale;
  2. Lettura ed approvazione del verbale precedente;
  3. Uno sguardo sull’oratorio di Arconate… cos’è l’oratorio oggi? Riflessioni e proposte;
  4. Varie ed eventuali.

Moderatore della serata: sig.ra Daniela Ceriotti.

Assente giustificato: sig. Federico Dell’Area.

1- Preghiera iniziale

Lettura del salmo 112: elogio del giusto. Lettura del libro dell’Apocalisse 3,14-22.

Questa lettura è un rimprovero ad una comunità insipida! Il Consiglio Pastorale ha il dovere di visitare le  varie espressioni della vita della comunità per programmare sempre un cammino positivo! A volte si va avanti per inerzia… bisogna avere il coraggio di correggere quello che c’è di negativo all’interno della parrocchia e valutare tutte le realtà!

Insieme abbiamo recitato la preghiera per chiedere a Dio il dono della Sapienza:

Dio dei padri e Signore di misericordia,che tutto hai creato con la tua parola, che con la tua sapienza hai formato l’uomo, perché domini sulle creature che tu hai fatto, e governi il mondo con santità e giustizia e pronunzi giudizi con animo retto, dammi la sapienza, che siede accanto a te in trono e non mi escludere dal numero dei tuoi figli, perché io sono tuo servo e figlio della tua ancella, uomo debole e di vita breve, incapace di comprendere la giustizia e le leggi. Anche il più perfetto tra gli uomini, privo della tua sapienza, sarebbe stimato un nulla. Con te è la sapienza che conosce le tue opere, che era presente quando creavi il mondo: essa conosce che cosa è gradito ai tuoi occhi e ciò che è conforme ai decreti. Mandala dai cieli santi, dal tuo trono glorioso, perché mi assista e mi affianchi nella mia fatica e io sappia ciò che ti è gradito. Essa tutto conosce e tutto comprende, e mi guiderà con prudenza nelle mie azioni e mi proteggerà con la sua gloria.

2- Lettura ed approvazione del verbale precedente

Viene letto e approvato all’unanimità del verbale del 12 ottobre 2016.

3- Uno sguardo sull’oratorio di Arconate… cos’è l’oratorio oggi? Riflessioni e proposte

Don Giancarlo, partendo dagli  articoli sull’oratorio (art. 218-541) del Sinodo 47°, e confrontandoli con la realtà dell’Oratorio di Arconate ha espresso i suoi punti di vista da quando è entrato a far parte della nostra comunità. Don Giancarlo inizia la relazione con due premesse: la prima è che lo sguardo generale sull’oratorio di Arconate e molto positivo; la seconda è che, essendo qui da poco tempo, i punti di questa sua relazione possono essere assolutamente discutibili.

L’oratorio ha una sua storia… ci sono state molte persone (diaconi e laici) che con il loro susseguirsi hanno portato la propria esperienza , facendo in modo che il nostro oratorio  avesse una base solida com’è tuttora; è molto importante,  insieme al Consiglio Pastorale,  individuare i punti di forza e quelli di ostacolo in modo che quello che già esiste diventi ancora più bello e funzionale!

In riferimento all’articolo 222 si è constatato la mancanza del gruppo di Azione Cattolica giovanile; occorre ricordare che la regola di vita, le proposte formative, gli impegni concreti dell’Azione Cattolica, costituiscono una risposta efficace alle domande dei più motivati.

In riferimento all’articolo 223 si constata che la domenica va molto valorizzata! In oratorio purtroppo c’è poca presenza! Perché? Purtroppo i ragazzi di oggi NON considerano l’oratorio come centro d’incontro, di ritrovo! Cosa si può fare per invogliare i ragazzi a partecipare più attivamente alla vita oratoriana? Come annunciare il Vangelo nell’oratorio di Arconate? Cosa dobbiamo fare per far crescere i nostri ragazzi? Fortunatamente ad Arconate abbiamo un  coaudiotore come guida per l’oratorio ma, si sente la mancanza di una figura femminile che affianchi il prete nei vari progetti educativi e che invogli le ragazze a partecipare a proposte che partono dai loro interessi e dai loro bisogni.

In riferimento all’articolo 226: si constata che manca un attenzione al territorio e si fa molta fatica a far partecipare i ragazzi alle iniziative decanali.

Nell’articolo 227 si constata un punto di forza: l’oratorio cerca sempre  di avere un attenzione alle situazioni di marginalità. Questo si nota soprattutto durante l’oratorio feriale.

Anche nell’art. 229 si constata un punto di forza: l’Oratorio di Arconate, fortunatamente, ha strutture e ambianti adeguati ad ogni sorta di attività.

Un punto di ostacolo viene segnalato negli orari del Bar (art. 230). Pur essendo un luogo, come dice l’articolo, di «sereno incontro, di fraterna conversazione e di arricchenti rapporti interpersonali», don Giancarlo si domanda se gli orari del bar favoriscano le attività educative dell’oratorio. Attualmente, esclusi i weekend e occasioni particolari, il Bar dell’oratorio viene aperto quando l’oratorio è chiuso e viene chiuso quando l’oratorio è aperto. La questione degli orari, secondo don Giancarlo, andrebbe discussa in un futuro C.P.P.

Punto di forza (cf art. 231) del nostro oratorio è la gestione economico-amminstrativa e di segreteria. La provvidenza ha sempre donato alla Parrocchia di Arconate sapienti e competenti volontari che svolgono in maniera egregia questi compiti. Preghiamo Dio che continui così per molti anni avvenire!

Altro punto di forza, del nostro oratorio (cf art. 235), è il gruppo animatori/educatori adolescenti che, soprattutto nel periodo estivo dell’oratorio feriale, sono parte attiva del gioco e del tempo libero ponendo particolare attenzione alle situazioni di marginalità dei ragazzi in difficoltà, facendoli sentire parte integrante delle attività. Tuttavia don Giancarlo sottolinea una pecca: i nostri giovani non sono mai stati abituati a prendersi cura anche della “fede” dei loro fratelli più piccoli (in concreto: a fare i catechisti), anche se le potenzialità ci sono. Il fatto che tutto il cammino dell’Iniziazione Cristiana sia al Sabato mattina non favorisce questo processo in quanto tutti gli adolescenti sono a scuola e non possono essere affiancati alle “mamme” come aiuto-catechisti.

In merito all’art.241 («Rapporti fra oratorio e famiglia»), don Giancarlo sottolinea che non esiste nessun contatto con le famiglie di tutti quei ragazzi che, quasi tutti i giorni, sono presenti in oratorio ma non hanno un cammino di fede, non vengono a messa e non partecipano alle attività educative dell’oratorio. Cosa possiamo fare per loro?

Don Giancarlo lascia per ultimo l’art. 228, quello riguardante lo SPORT in oratorio, sul quale esprime qualche preoccupazione. Pur ribadendo l’assoluta positività dello Sport in oratorio quale strumento privilegiato e ottimo per un’educazione cristiana; tuttavia don Giancarlo sottolinea – a suo avviso – la mancanza di una collaborazione e intesa educativa tra la società sportiva e l’oratorio stesso. In sede di consiglio è stato invitato il sig. Simone Bandera, presidente della società sportiva OSEA, il quale rassicura che questa è stata una pecca di questi ultimi anni e che in passato la società sportiva dell’oratorio è stata davvero fiorente. Il Sig. Bandera mette inoltre in evidenza che, uno dei principali problemi è la mancanza di educatori-allenatori per poter formare una squadra calcistica o altro sport soprattutto per la fascia di età dei bambini più piccoli e la mancanza di strutture adeguate per le squadre femminili.

Nella società sportiva del nostro oratorio – conclude don Giancarlo – occorrerà spendere tempo ed energie (se dovesse servire anche economiche) perché ai ragazzi di Arconate sia data la possibilità di trovare un ambiante in cui crescere, umanamente e spiritualmente, ed imparare i valori del «sacrificio di sé, lealtà, autocontrollo, perseveranza nel raggiungere un obiettivo, nella gratuità e nel disinteresse di chi coglie nello sport un’occasione per migliorare sé e gli altri» (art. 228,§1).

Di fondamentale importanza è la stesura di un progetto educativo prendendo spunto dalle linee della Diocesi per concretizzarle nella nostra parrocchia; punto di arrivo per il Consiglio Pastorale sarà la stesura di tale progetto!

4- Varie ed eventuali

Lettura del documento “Passi da compiere per far crescere la comunità” che verrà consegnato prossimamente al nostro Arcivescovo.

La seduta termina alle 23.15 deliberando che il prossimo Consiglio Pastorale Parrocchiale verrà convocato il giorno 23 gennaio 2017.

La Segreteria

VERBALE DEL CONSIGLIO PASTORALE DEL 13 GIUGNO 2016

In data 13 giugno si è riunito il CPP.

Assenti giustificati:Don Giancarlo Bestetti – Boldrin Sandro.

Moderatore della serata:Daniela Ceriotti.

O.d.G.:

1- Preghiera iniziale;

2- Approvazione verbale precedente;

3- Intenzioni e offerte in occasione delle celebrazioni delle messe;

4- Emergenza accoglienza profughi/presentazione progetto;

5- Impostazione calendario pastorale;

6- Varie ed eventuali: festa per ordinazione Don Giancarlo e pellegrinaggio al Sacro Monte di Varese.

L’incontro è iniziato con una lettura del Vangelo secondo Matteo (4, 18-22) che parla della chiamata dei pescatori del lago. Pensando alle vocazioni, non bisogna dimenticare che è Gesù che “chiama” e il compito di una comunità è quello di pregare per i ragazzi e le ragazze per fare in modo che dicano il loro “Sì” a Gesù!

Si deve prendere seriamente in considerazione il dono delle vocazioni e capire l’importanza di avere un prete novello nella nostra parrocchia perché è “un dono di Dio”!

Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

O Padre, fa sorgere fra i cristiani numerose e sante vocazioni al sacerdozio, che mantengano viva la fede e custodiscano la grata memoria del tuo Figlio Gesù mediante la predicazione della sua parola e l’amministrazione dei Sacramenti con i quali tu rinnovi continuamente i tuoi fedeli. Donaci santi ministri del tuo altare,che siano attenti e fervorosi custodi dell’Eucaristia,sacramento del dono supremo di Cristo per la redenzione del mondo. Chiama ministri della tua misericordia, che, mediante il sacramento della Riconciliazione, diffondano la gioia del tuo perdono. Fa’,o Padre, che la Chiesa accolga c del verbale on gioia le numerose ispirazioni dello Spirito del Figlio tuo e, docile ai suoi insegnamenti, si curi delle vocazioni al ministero sacerdotale e alla vita consacrata. Sostieni i Vescovi, i sacerdoti, i diaconi, i consacrati e tutti i battezzati in Cristo, affinché adempiano fedelmente la loro missione al servizio del Vangelo. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.

Lettura ed approvazione all’unanimità del verbale del 2 maggio 2016.

Nel terzo punto abbiamo approfondito l’argomento che riguarda le intenzioni e offerte per le celebrazioni delle messe; è dovere di tutti i battezzati sovvenire all’esigenze della Parrocchia. La messa non “si paga” ma, in occasione si fa un gesto di carità offrendo un contributo alla propria comunità. Nelle domeniche e nelle feste di precetto, il Parroco è tenuto all’obbligo di celebrare e applicare la Messa per tutto il popolo. E’ buona cosa che in questi stessi giorni le Messe non abbiano intenzioni ma, siano lasciate libere al sacerdote che le celebra (verrà inserito un opuscolo dettagliato all’interno  del settimo giorno).

Domenica 5 giugno presso “La Scala di Giacobbe” in Castelletto di Cuggiono don Franco Roggiani, responsabile della Caritas del Decanato di Castano Primo, ha illustrato il progetto a favore dei profughi che la Prefettura è in procinto di assegnate ai Comuni dei Decanati di Legnano, Villoresi e Castano primo. Si tratta di circa 350 persone che in un primo momento la prefettura avrebbe fatto alloggiare nella ex Caserma di Legnano, solo a seguito delle rimostranze del Sindaco di Legnano,che ha segnalato il grande rischio di insorgenza di problematiche connesse ad un assembramento di persone in  un luogo inospitale in quanto disabitato da decenni e comunque inadeguato sotto ogni aspetto, il Prefetto ha superato la sua decisione chiedendo ai Sindaci dei paesi interessati di trovare al più presto soluzioni alternative. Il progetto dunque presentato da don Franco, prevede la messa a disposizione di appartamenti che le Parrocchie potrebbero prendere in affitto per poi concederli in comodato d’uso gratuito alle Cooperative della Caritas ambrosiana che prenderanno in carico i profughi per tutti gli aspetti attinenti alla loro degna permanenza nel nostro Paese. Qualora una comunità parrocchiale non disponesse di appartamenti, potrà aderire al progetto contribuendo economicamente alle spese per gli affitti sostenute da altre Parrocchie. Dello stesso progetto verranno informate tutte le comunità parrocchiali interessate attraverso un comunicato distribuito in occasione delle S.Messe domenicali. La maggioranza dei consiglieri presenti aderisce al progetto del Decanato; dalla discussione è emerso l’esigenza di approfondire l’argomento.

Passando al quinto punto dell’O.d.G. si è stabilito che, in data 12 luglio p.v. ,verranno convocate tutte le associazioni parrocchiali  per impostare il prossimo calendario pastorale.

Ultimo punto sono stati i programmi dettagliati sia della festa per l’ordinazione di don Giancarlo, che si terrà domenica 19 giugno p.v., sia per il pellegrinaggio parrocchiale al Sacro Monte di Varese per domenica 26 giugno p.v.

La seduta termina alle 23.15 deliberando che la prossima convocazione del CPP sarà il 12 luglio p.v. alle 21 presso il centro parrocchiale.

LA SEGRETERIA

Verbale Consiglio Pastorale Parrocchiale -4 Aprile 2016-

In data 4 Aprile 2016 si è riunito il CPP.

Assenti giustificati:Boldrin Sandro – Monolo Roberta.

Moderatore della serata: Ceriotti Daniela.

O.d.G.

1- Preghiera iniziale;

2-Approvazione verbale precedente;

3-Visita del Vicario Episcopale Mons. Citterio;

4-Verifica della Quaresima;

5-Varie ed eventuali.

 

L’incontro è iniziato recitando un salmo qui riportato:

RIT.: Ecco, io vengo, Signore, per fare la tua volontà.

 

Non hai chiesto olocausto né sacrificio per il peccato.

Allora ho detto: “Ecco, io vengo.

Nel rotolo del libro su di me è scritto

di fare la tua volontà:

mio Dio, questo desidero io”.      R

 

Ho annunciato la tua giustizia nella grande assemblea;

vedi: non tengo chiuse le labbra, Signore, tu lo sai.

Non ho nascosto la tua giustizia dentro il mio cuore,

la tua verità e la tua salvezza ho proclamato.          R

 

Non ho celato il tuo amore

e la tua fedeltà alla grande assemblea.

Esultino e gioiscano  in te quelli che ti cercano;

dicano sempre: “Il Signore è grande!”

quelli che amano la tua salvezza.                R

 

E’ seguita una lettura del Vangelo secondo Luca (1,26-38).

A questo punto è intervenuto don Ferdinando per una breve riflessione basata sul brano di vangelo letto in precedenza, dove è emerso che la cosa più importante è che, l’iniziativa parte da Dio. Dal SI’ di Maria nasce il Salvatore! Anche a noi Maria ci chiede di essere disponibili..il nostro SI’ diventi modo di vivere, assumendoci le nostre responsabilità! Le iniziative dell’uomo sono sempre limitate, la salvezza con la “esse” maiuscola viene da Dio perché è Lui che ci salva!

Abbiamo recitato una preghiera per la nostra comunità:

Signore, ti ringraziamo per i doni che ci hai fatto per mezzo della vita e della missione della parrocchia. Nella comunità abbiamo ricevuto, tante volte l’Eucaristia, la Parola, il dono dello Spirito e il perdono dei peccati! Qui siamo stati educati nella vita di fede, abbiamo maturato la capacità di amare, siamo stati aiutati a vivere la nostra vocazione. Dona, o Signore, alla nostra parrocchia la grazia di rinnovarsi per svolgere, anche oggi, la sua missione nella fedeltà a te e all’uomo.

O Maria, guidaci ad essere assidui all’ascolto della Parola, perseveranti nella preghiera, uniti nell’assemblea eucaristica, ferventi nella comunione e nella carità verso il prossimo, gioiosi testimoni di Cristo nel mondo e coraggiosi annunciatori dei valori del Vangelo.

Benedici, o Madre, tutte le parrocchie del mondo, perché continuino ad essere fuochi d’amore, fari di luce, comunità di vita, sorgenti di comunione e di speranza. Amen.

Lettura ed approvazione all’unanimità del verbale del 22 febbraio 2016.

In preparazione alla visita pastorale del Vicario Episcopale mons. Citterio,sono emerse alcune considerazioni: la nostra è una comunità molto fervida e con molte associazioni che lavorano tutte per lo stesso scopo cioè, tenere viva la Fede verso Gesù.

A volte però, si rischia di lavorare “in autonomia” e con poca collaborazione, forse perché ci sono pochi momenti formativi che ci indirizzano verso una maggiore apertura comunitaria.

A differenza della poca partecipazione agli esercizi spirituali della “Settimana In”, le “Domeniche In” per i ragazzi del catechismo (elementari e medie), sono state molto frequentate anche dai genitori, che hanno avuto modo di approfondire la propria fede cristiana grazie ai momenti formativi a loro dedicati.

Riflettendo: mettiamo al centro della nostra vita e del nostro fare Gesù? Lo conosciamo abbastanza? Possiamo dire di essere dei veri cristiani? Quanto al tempo dedichiamo al giorno per Gesù? La “Settimana In” ha fatto scaturire in noi il desiderio di stare con Gesù?

Un punto debole che è emerso in sede di Consiglio, è la poca missionarietà verso le persone che fanno fatica ad inserirsi nella Parrocchia, quindi il nostro impegno è quello di aprirsi ed accogliere l’altro per farlo sentire parte integrante della comunità stessa.

Infine, si è stilata una scaletta di interventi da proporre al Vicario Episcopale per il giorno 23 Aprile p.v. in occasione della visita pastorale, e si è deciso che in data 26 giugno la nostra Parrocchia, in occasione dell’anno giubilare, farà un pellegrinaggio presso il Sacro Monte di Varese (il programma sarà pubblicato dettagliatamente in seguito).

La seduta è terminata alle 23.30, deliberando che il prossimo CPP sarà convocato lunedì 2 maggio p.v. alle 21.15 presso l’oratorio.

La segreteria

 

VERBALE CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DEL  14/09/15

 

In data 14 Settembre 2015 si è riunito il Consiglio Pastorale Parrocchiale; l’incontro

è iniziato con una preghiera  allo Spirito Santo qui riportata:

“O Spirito Santo,

–      Vincolo d’ineffabile amore fra il Padre e il Figlio, vieni,

–      Misterioso artefice della creazione,vieni,

–      Silenzioso operatore dell’Incarnazione del Verbo,vieni,

–      Invisibile ispiratore della Parola di Dio,vieni,

–      Vigoroso suscitatore di personalità profetiche,vieni,

–      Potente operatore della risurrezione di Cristo,vieni,

–      Mirabile costruttore della Chiesa,vieni,

–      Efficace agente nei Sacramenti della fede,vieni,

–      Fecondo germe di vita soprannaturale nei fedeli,vieni,

–      Permanente santificatore del mondo,vieni.

Vieni o Spirito Santo a rinnovare la nostra vita, le nostre menti, i nostri

cuori, tutte le nostre presone,a creare in noi dei veri figli del Padre,che a

Lui si lasciano offrire ogni giorno per le mani di Maria, con Gesù, in Gesù

per Gesù a gloria della Santissima Trinità. Amen.

(Padre Felice dell’Eremo di Sant’Alberto a Sestri Ponente)

 

ed una lettura introduttiva di un brano dal Vangelo secondo Matteo (25-31,46)

dalla quale sono emerse delle riflessioni di Don Ferdinando: Gesù è giudice

e Salvatore, infatti noi cristiani siamo chiamati a fare delle scelte esplicite

e come credenti siamo invitati ad agire come Gesù ci insegna.

Abbiamo poi recitato una preghiera per la  nostra comunità:

“ Signore,ti ringraziamo per i doni che ci hai fatto per mezzo della vita e

della missione della parrocchia.

Nella comunità abbiamo ricevuto,tante volte l’Eucarestia,la Parola,il dono

dello Spirito e il perdono dei peccati!

Qui siamo stati educati nella vita di fede,abbiamo maturato la capacità

di amare,siamo stati aiutati a vivere la nostra vocazione.

Dona, o Signore,alla nostra parrocchia la grazia di rinnovarsi per svolgere,

anche oggi, la sua missione nella fedeltà a te e all’uomo.

O Maria, guidaci ad essere assidui all’ascolto della Parola,perseveranti nella preghiera,uniti nell’assemblea eucaristica,ferventi nella comunione e nella carità

verso il prossimo,gioiosi testimoni di Cristo nel mondo e coraggiosi annunciatori

dei valori del Vangelo.

Moderatore della serata è stata la signora Alberta Tamanini.

Seguendo l’ordine del giorno viene approvato il verbale dello scorso CPP.

 

Ad ogni membro è stata consegnata una copia della lettera pastorale del

nostro Arcivescovo Card. Angelo Scola  “Educarsi al pensiero di Cristo”; la quale farà da guida per i prossimi due anni due anni pastorali 2015/2016-

2016/2017.

La lettera ci invita a metterci in ascolto della Parola, a frequentare la

parrocchia per “sentire” la presenza di Cristo nella nostra quotidianità.

Noi cristiani, come ci poniamo di fronte a Cristo? A tal proposito, accogliendo

l’invito di Papa Francesco e del nostro arcivescovo abbiamo discusso, insieme

a due membri della Caritas Parrocchiale, riguardo la possibilità di ospitare

una famiglia di profughi nella nostra parrocchia e tutti i membri del CPP

dopo aver valutato attentamente gli aspetti riguardanti tale proposta

hanno dato la loro adesione alla presentazione del progetto a tutta

la comunità. Il Papa ci invita a DARE CONCRETEZZA AL VANGELO!

Si è passati a vagliare alcune date da inserire nel calendario parrocchiale

(verrà comunicato in maniera definitiva nei prossimi incontri).

Ringraziando il Signore, alla nostra parrocchia è stato “affidato” un diacono

che si sta preparando all’ordinazione sacerdotale del prossimo 11 giugno,

quindi si chiede a tutta la comunità insieme al CPP di accompagnarlo

con la preghiera in questo cammino di fede.

Durante la S. Messa in Duomo l’8 di Settembre, il nostro arcivescovo ha

ufficialmente annunciato l’intenzione di fare una visita pastorale nel nostro

decanato nel giorno di Giovedì 17 dicembre 2015 presso il Cinema Teatro Brera

sito in Inveruno.

La seduta termina alle ore 23.15, stabilendo che la data del prossimo CPP

sarà Lunedì 26/10/15 alle ore 21.15.

 

La segreteria

 

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CPP DEL 20 LUGLIO 2015

In data 20 luglio 2015 è stato convocato il Consiglio Pastorale Parrocchiale.

Dopo la recita di una Sequenza allo Spirito Santo ed una lettura del libro dei Giudici 2,6-17 ha preso la parola Don Ferdinando focalizzando l’attenzione su questo brano,pensando alla responsabilità di una comunità cristiana cioè, incontrare il Signore e sperimentare che il Signore c’è! Si tiene viva la memoria del Signore quando Lui è dentro di noi!

La nostra attenzione si è spostata verso un brano tratto dal Sinodo 47° dal quale è emerso che la prima Chiesa celebrava e lodava Dio!

In questa serata sono stati convocati alcuni membri dei gruppi parrocchiali con lo scopo di redigere un calendario pastorale annuale; a tale riguardo il parroco invitava ad inserire delle proposte dove il Signore sia celebrato nei vari avvenimenti.

Il rischio è quello che il Signore lo vediamo sempre da lontano..come mai?

Partiamo da Dio per costruire e salvaguardare tutte le date che aiutano la comunità…viviamo in un momento che, anche per la chiesa NON BISOGNA DAR NIENTE PER SCONTATO !!

Si è passati poi alla recita di una preghiera comunitaria qui riportata:

Signore ti affidiamo il cammino della nostra Parrocchia. Fa’ che insieme possiamo costruire una comunità che sia “casa viva” in cui i diversi carismi possano riconoscersi,essere donati e accolti per il bene di ogni fratello.Donaci di saper attingere alla sorgente della tua Parola e dell’Eucaristia. Donaci una disponibilità aperta che non si lasci imprigionare da strutture, schemi e tradizioni. Donaci un “cammino sciolto” che sappia dedicare tempo e spazio all’ascolto, alle relazioni personali, ai bisogni di tutti. Donaci soprattutto di saper mettere Te al centro di ogni nostra vita,per attuare la tua volontà che ci chiama a essere UNO in TE. AMEN

Moderatore della serata è stata la signora Daniela Ceriotti

Dopo l’approvazione all’unanimità del verbale dello scorso CPP,ogni membro di ciascun gruppo parrocchiale ha preso la parola elencando le proprie iniziative, che si svolgeranno durante l’anno pastorale.

Viene così stilata una bozza di calendario Parrocchiale anno 2015-16 in subordine a quello Diocesano; il calendario definitivo sarà portato a conoscenza di tutti i fedeli.

In chiusura d’incontro si delibera che la data del prossimo CPP sarà lunedì 14 settembre 2015 alle ore 21.00.

La segreteria

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CPP DEL 22 GIUGNO2015 ORE 21.00

In data 22 giugno 2015 è stato convocato il CPP; dopo una preghiera iniziale allo Spirito Santo di S.Agostino,

all’unanimità viene approvato il verbale del CPP del 18 maggio 2015.

Di seguito è stata proposta una lettura tratta dal libro degli Atti degli Apostoli (2,42-48) dove si evidenziano tre indicazioni precise:

–          I primi cristiani erano perseveranti nell’ascoltare l’insegnamento degli Apostoli

–          Erano perseveranti nella vita comune

–          Erano perseveranti nella frazione del pane

Da questa riflessioni si deduce che la partenza è sempre Dio! Infatti Gesù ci insegna che non sempre si fanno delle scelte che piacciono ma, sulla base del Vangelo bisogna cercare la verità,quindi dobbiamo metterci in ascolto di Dio e sia Lui a suggerirci i passi da seguire. E’ seguito l’intervento del Parroco il quale, ha illustrato i criteri base, alla luce dei quali elaborare un programma pastorale. A questo proposito si è fatto riferimento ai “pilastri di una casa”, cioè avere dei riferimenti che ci danno l’orientamento, una bussola, per verificare il cammino di una Parrocchia. Sono passati  duemila anni ma la Chiesa è rimasta la stessa, sta a noi riuscire a trovare “ I PILASTRI” per andare avanti…

Gesù è sempre con noi!

Sulla base di alcune schede del Sinodo 47° che ci sono state fornite per una riflessione personale sono seguiti vari interventi da parte di alcuni membri del CPP dove è emerso un punto fondamentale cioè:

partire da Dio prima di prendere qualsiasi decisione che riguardi la Parrocchia;

dobbiamo lavorare su ciascuno di noi membri ed essere VIVI per aiutare gli altri.

Nel punto del O.d.G. varie ed eventuali il signor Danilo Pinotti ha rassegnato le sue dimissioni da membro del CAEP, il CPP prende atto e le accetta, approva poi all’unanimità la candidatura della signora Ornella Ferro a far parte del CAEP.

In chiusura d’incontro si delibera che la prossima riunione del CPP sarà convocata il giorno lunedì 20 luglio

2015 alle ore 21.00.

La segreteria

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CPP DEL 18 MAGGIO 2015 ORE 21,15

 In data odierna si è insediato il nuovo CPP

Dopo una preghiera allo Spirito Santo, una lettura del Vangelo Secondo Giovanni ( 17,11-17)e breve introduzione del Parroco  si sono evidenziati tre punti fondamentali:

1) Il Cpp nel rispetto, nel dialogo, nel confronto deve annunciare il Vangelo ( La Comunione)

2) La gioia cioè, voglia di far parte del CPP, perché lo si fa per Gesù ( Quando c’è il Signore la gioia c’è !)

3) Non permettere al “Maligno” di entrare nel cammino della Parrocchia (spaccando la comunità).

4) Cercare sempre la verità per riproporla ai fedeli.

L’importante è ascoltare il Signore!

A questo punto il Parroco ha invitato i membri ad un momento di silenzio per la riflessione e lapreghiera personale; al termine si è svolta una presentazione reciproca.L’impegno più significativo del CPP, tra gli altri, sarà quello di elaborare, aggiornare ed applicareil Progetto Pastorale Parrocchiale rappresentato da quanto stabilito nel Sinodo 47°“ Il CPP è un organo consultivo solo in termini analogici e solo se tale consultività viene interpretata non secondo il linguaggio comune, ma nel giusto senso ecclesiale.I Fedeli, in ragione della loro incorporazione alla Chiesa, sono abilitati a partecipare realmente,anzi a costruire giorno dopo giorno la  comunità; perciò il loro apporto è prezioso e necessario.Anche a livello parrocchiale sarà quindi stilato ogni anno, un concreto Piano di azione pastorale tenendo conto della principali esigenze della nostra Parrocchia.Altro compito del CPP sarà quello di essere in comunione anche con il decanato ( non dobbiamocrearci un’isola ma semmai una penisola) così che le decisioni prese per la comunità si riescano ad inserire anche all’interno del Consiglio pastorale Decanale.Per quanto concerne invece le questioni economiche della Parrocchia si farà riferimento al Consiglio per gli affari economici  (CAEP) nello specifico:

–          Luigi Almasio

–          Claudia Valisi

–          Viottorio Pisoni

–          Marco Bottini

–          Serenella Sergi

–          Danilo Pinotti (Nominato in sede di CPP)

Altro punto fondamentale dell’incontro è stata la scelta dei segretari :

–           Luisella Gadda

–          Simona Monticelli

e dei moderatori:

–          Daniela Ceriotti

–          Alberta Tamanini

–          Simone Tanzilli

In chiusura d’incontro si delibera che la prossima riunione del CPP sarà convocata il giorno Lunedì 22 giugno 2015 alle ore 21.00.

La segreteria

A nome di tutti i membri del Consiglio Pastorale Parrocchiale, porgiamo un caloroso ringraziamento ai fedeli che con il loro voto hanno posto la loro fiducia in Noi. Chiediamo la Vostra vicinanza, con la preghiera, affinché lo Spirito Santo ci guidi in questo cammino.

 

Parrocchia S. Eusebio – Arconate

ELEZIONE DEL NUOVO CONSIGLIO PASTORALE

I CANDIDATI HANNO RICEVUTO I SEGUENTI VOTI:

CATEGORIA DAI 18 AI 40 ANNI

MONTICELLI SIMONA 401
PORETTI ROMINA 390
TANZILLI SIMONE 209
BOLDRIN SANDRO 199
DELL’AERA FEDERICO 120
PETRERA MIRKO 101
LA VOLPE CESARE 80

CATEGORIA DAI 41 AI 50 ANNI

MONOLO ROBERTA 395
MONOLO GIUSEPPE 282
BIENATI LEONARDO 215
PONTIGIA ELISA 140
TAMANINI ALBERTA 122
CATIZONE DOMENICO 111
LUZZARA DANIELA 97
MALVONE MAURIZIO 64

CATEGORIA OLTRE I 51 ANNI

GADDA LUISELLA 451
CERIOTTI DANIELA 443
PORETTI LUIGI 344
PARADISO GIOACCHINO 117

 

 

IL NUOVO C.P.P. E’ COSI’ COMPOSTO

MONTICELLI SIMONA      Eletta
PORETTI ROMINA           Eletta
TANZILLI SIMONE            *Votato DdP
BOLDRIN SANDRO         *Votato DdP
DELL’AERA FEDERICO   *Votato DdP
PETRERA MIRKO             *Votato DdP
MONOLO ROBERTA        Eletta
MONOLO GIUSEPPE       Eletto
BIENATI LEONARDO        Eletto
PONTIGIA ELISA               Eletta
TAMANINI ALBERTA          *Votata DdP
CATIZONE DOMENICO     *Votato DdP
LUZZARA DANIELA            *Votata DdP
GADDA LUISELLA            Eletta
CERIOTTI DANIELA         Eletta
PORETTI LUIGI                *Votato DdP
FERRO ORNELLA          *DdP
PINOTTI DANILO              *DdP
DON ALESSANDRO
TEODI                               Membro di Diritto
DON FERDINANDO
MERELLI                           Membro di Diritto

* DdP = Designato/a dal Parroco

Al consiglio pastorale che ha terminato il suo mandato un GRAZIE per il lavoro compiuto e al nuovo l’ AUGURIO di un buon cammino.